About

ritrattoFrode 2

ITALIANO
FRODE. Writer/avvocato, artista e professionista allo stesso tempo, svolge il proprio lavoro in due mondi apparentemente molto distanti, quali la Giustizia e quello dell’Arte.

“Frode è il nome d’arte che scelsi all’età di 13 anni, quando nell’inverno 1992/93 decisi di buttarmi tra le strade e lasciare la mia impronta sui grigi muri di Milano. La mia firma doveva essere dappertutto, l’evoluzione dello stile diventò inconsapevolmente una scelta di vita. Mai avrei pensato all’epoca che sarei arrivato a viver oggi una realtà che supera la mia stessa fantasia”

FRODE nasce come “writer”ed impara a disegnare in strada, concentrandosi dapprima sull’evoluzione stilista del lettering, agli albori del movimento negli anni ’90. La passione per il writing lo accompagna dai primi anni di scuola; negli anni 90 il suo nome riempe i muri di Milano.
Nel 1996/1997 comincia ad eseguire le prime murate su commissione, per la società Turing Auto di Milano.
Dal 2000 e negli anni di università, gestisce laboratori di graffiti per i più giovani e indirizza le sue creazioni a sostegno delle attività di volontariato, come i lavori svolti per la Parrocchia di San Nazaro e Celso e per la Onlus Sviluppo e Promozione.
Nel 2007 si laurea a pieni voti presso la facoltà di Giurisprudenza dell’Università Cattolica di Milano con una tesi sperimentale in Diritto Romano. Il giorno successivo inizia a lavorare in un noto Studio Legale, trovandosi subito ad affrontare casi di cronaca nera, intraprende quindi la strada di penalista.
Ancora giovanissimo, si afferma dal 2010 come il principale difensore del Writing e della Street art nelle aule giudiziarie, grazie ad una serie di importanti sentenze che riconoscono il valore artistico dell’intervento dei writers e street artists.
Ciononostante, in campo artistico non interrompe mai la propria produzione, anzi in questi anni intensifica le partecipazioni a jam, mostre e live paint oltre a numerosissime collaborazioni.

Nel 1996 la prima Jam, “Acrilico” (Barrio’s, Milano)
Nel 2001 realizza una prima murata di 50m a sfondo sociale, “Contro ogni Guerra” con Maso, Tawa, Nais.
Nel 2002 la prima mostra collettiva per “Soul to Soul”, Cheval café Milano
Nel 2005 organizza la mostra a scopo benefico “Un fiume sotto” con Ivan, Tawa, Nais, per inaugurare lo spazio dell’Ass..ne La Cordata, Milano.
Nel 2007 la personale presso Ass.ne culturale Sud, Milano.
Nel 2008 la prima mostra personale con catalogo, per Fondazione Gianetti, presso il Museo ArteMondo di Saronno.
Nel 2009 dipinge nel corto di Raoul Bova “Graffiti” con Flycat ed Angelo Langè.
Nel 2010 il quotidiano LaRepubblica pubblica l’intervista intitolandola: “Avvocato di giorno, writer di notte”.
Nel 2010 la sua vita attrae MTV, che lo inserisce nella miniserie “Fuorilegge”, dedicandogli un video di 19min dal titolo “La storia di Frode”.
Esporta la sua arte all’estero, dipingendo a Parigi, Londra, Bristol, Gran Canaria,Fuerteventura, Sarajevo, Jojakarta, Berlino.
Nel 2011 espone nello spazio Design Can per il Fuorisalone di Milano, in collaborazione con Kartell;
Realizza presso il centro Barrio’s di Milano un lavoro di 30m a tema “Fukushima: per non dimenticare”
con Jhal1 e Maso.
Nel 2012 espone a Spoleto Art Festival, unico writer insieme a Kayone accanto a Fontana ed altri grandi maestri del ‘900.
Nello stesso anno realizza con l’ass.ne Naeli la mostra “E’vento Green” presso lo spazio 6centro di Via Savona a Milano. La sua opera e quelle degli altri artisti di fama internazionale coinvolti, vengono donate al nascente Museo del Bambino dell’Aquila (Mubaq)
Nel 2013 espone partner di Gazzetta dello Sport presso Pitti Uomo a Firenze.
Nel 2012, 2013, 2015, dipinge ed espone a Bristol, nella più grande graffiti convention al mondo,”Upfest”, accanto a molti nomi noti rappresentanti della  street art e graffiti culture mondiale. E’ il primo street artist italiano presente alla jam, del quale diventa anche icona sul Bristol Post nell’edizione 2015.
Nel 2013 la personale “Frodesign” per il Fuorisalone di Milano, presso la galleria MyLoft di Via Ariberto.
Nel 2013 è protagonista del video documentario “Street Art a Milano” di Sky arte HD, presentato da Frankie Hi nrg
Nel 2015 la collettiva “Walls of Milano” presso la Neurotitan Gallery di Berlino. Nello stesso anno partecipa all’iniziativa “Energy Box”, promossa da A2a con il Comune di Milano e sotto la curatela di Atomo e il prof.Caroli, con catalogo edito da Skira.

Frode annovera alcune importanti collaborazioni con firme globali della moda e del design, quali Kartell, Karim Rashid e Armani Jeans.
Organizza e realizza progetti a sfondo sociale nel settore no profit, tra cui si ricordano: 2003 “Progetto Solidarietà”,Fondazione Cassoni, Milano
2004 “Art Vs Drugs”, Milano
2007,”Sos Village”, Sarajevo
2010 mostra + asta di beneficienza per Fondazione Ultimo, Rieti
2012 “E’vento Green” con ass.ne Naeli ed il Museo Mubaq di Fossa, L’Aquila
2013 “Art for WWF”, collettiva + asta di beneficienza (catalogo), Fonazione Matalon, Milano
2014 “Hall of Fame”, collettiva presso Macao, Milano

Con le Istituzioni, realizza alcune opere pubbliche monumentali, tra cui ricordiamo:
– i portoni del Castello di Forlimpopoli, per la Festa Artusiana (Forlimpopoli 2011)
– la prima Piazza in Italia dedicata alle Donne Partigiane (Milano, P.zza Donne Partigiane, 2013),
– la decorazione dei muri del guardino dell’Istituto penitenziario C.Beccaria (Milano 2013),
– I muri esterni della Chiesa di San Cristoforo sul Naviglio (Milano 2015),
– La facciata esterna della chiesa Redentorista di San Sperate (Cagliari 2014)
– la facciata esterna della casa di accoglienza di Milano “Enzo Jannacci”(Milano 2015)

Come avvocato, ottiene nel 2012 ottiene la piena assoluzione di 2 writers, scagionandoli dall’accusa di imbrattamento (art.639 C.p.), presso il Tribunale di Milano. La sentenza costituisce oggi giurisprudenza innovativa in materia.

Nel 2014 ottiene una nuova sentenza di assoluzione, a favore della Street Art, scagionando l’artista Manu Invisible dall’accusa di imbrattamento. Anche questa sentenza diviene oggetto dei media nazionali, confermando Frode quale il principale avvocato difensore della street art italiana.

Nel 2015 ottiene la conferma dell’assoluzione del writer Manu Invisible dinnanzi alla Corte d’Appello.

Dal 2011 al 2015 gioca un ruolo di spicco nella trattativa a favore del rilancio della collaborazione tra artisti ed istituzioni milanesi, mediante l’ideazione, organizzazione e sostegno attivo all’iniziativa “100 muri”, con la quale vengono concessi spazi autorizzati a Milano.

Nel 2015 ha condotto la sua prima lezione universitaria, presso la facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Milano, sede presso Ospedale Sacco, a tema ” la responsabilità legale del medico ed il consenso informato”

 

ENGLISH
“FRODE” started to paint in 1993 in Milan.
He learned to draw directly on walls and train carriages and soon he became one of the most famous writer in Milan.
It is a very personal journey into the world of “graffiti” and street art. After the Diploma of High School, he studied Law, graduating with honors from the Faculty of Law of the Catholic University of Milan (2007).

During the period of the University, he painted assiduously, managed workshops and social projects related to “graffiti”, even with the fashion world.

In 2007, after being stopped by the police and denounced for the crime of illegal “graffiti”, he met the court-appointed lawyer, who asked him to start the legal practice at his law firm.

FRODE is the first writer to bring the language of “graffiti” in the sphere of Justice, also thanks to the fact that the first investigations were dedicated to the defense of the writers.

Specialising in criminal justice, get the various judicial success thanks to the acquittal of the charge of numerous writers for the crime of “graffiti”.

In 2008, he held his first solo exhibition with the catalog at the World Art Museum of Saronno.

FRODE simultaneously painted and collaborated with some of the biggest names in the world of fashion and design, such as Kartell, Karim Rashid and Armani Jeans.

In 2009, “La Repubblica”, the first italian newspaper, on the national edition, devoted an article titled “Lawyer by day, writer by night.” In the same period, FRODE graduated at the School of Criminal Defence Office and at the same time he specialized in the Specialization School for Legal Profession.

While he was a lawyer, Frode remains the one of the most active Italian writer.

Many Tv news as TG1 TG3, TG4, TG5 and Class News talked about him and “La Repubblica” published articles from which he has inherited its unique professional title.

In the 2010, “MTV” was attracted from his life from the court to the streets, dedicating a short entitled “The history of FRODE.”

In 2010, he created the “graffito” dedicated to “Falcone and Borsellino” getting a strong media attention.

In the same year, he collaborated with the popular actor Raoul Bova for a short with  a touring exhibition titled “Graffiti”.

In 2012, he obtained a fundamental judgment for the Italian case law, making discharge for two writers. This fact obtained the attention of all media and promised activities on the ground for the phenomenon judicial writing-street art