ARTICOLO 639 = REATO DI ESPRESSIONE

Manu-Invisible-&-Frode-Meeting-of-styles--1
Manu-Invisible-&-Frode-Meeting-of-styles--13
Manu-Invisible-&-Frode-Meeting-of-styles--4
Realizzato in occasione del festival “Meeting of Style Italy 2017″ a Trezzano sul naviglio (MI), l’opera è un anamorfismo realizzata a 4 mani con Manuinvisible. La murata celebra l’assoluzione definitiva dello street artist Manuinvisible, 3 gradi di giudizio ed una complessa vicenda processuale in cui l’assistenza come avvocato da parte di Frode ha permesso di creare un risultato storico nella giurisprudenza italiana. Al di là della questione giuridica, l’evento ha il merito, grazie al forte impatto mediatico, di aver portato la questione della criminalizzazione della street art all’opinione pubblica.
“Art 639″ rappresenta la sintesi di “Articolo 639″ (del “Codice Penale” sottinteso), ovvero la norma di legge che punisce il reato di imbrattamento in Italia. Nel caso in esame, tale norma è definita “reato di espressione” dagli artisti, in segno di aperta critica all’inasprimento delle pene contenuto nella legge e nella primaria importanza conferita a tale reato che, seppure minore rispetto ad a crimini di forte allarme sociale, resta tra le prime posizione nell’agenda giudiziaria italiana.